Tag Archives: Sulcis Iglesiente

E’ in programma domenica mattina, sul Colle Rosmarino, la gara di Mountain … – La Provincia del Sulcis Iglesiente

 Memorial Usai-Cancedda 2Sergio Usai 11Carlo Cancedda 1

E’ in programma domenica 14 dicembre, a partire dalle ore 10.00, sul Colle Rosmarino, la gara di Mountain Bike “Memorial Carlo Cancedda e Sergio Usai” – Trofeo Città di Carbonia, valevole come prova del campionato regionale. L’evento è organizzato dalla sezione locale del Gruppo Sportivo Esercito – Sardegna, con il patrocinio del comune di Carbonia. La gara è intitolata alla memoria di due grandi appassionati di ciclismo, scomparsi tragicamente otto anni fa (il 7 maggio 2006) sulla strada Pedemontana Villamassargia-Siliqua, durante una passeggiata domenicale in bicicletta con un gruppo di amici.

È prevista la partecipazione di un centinaio di atleti da tutta la Sardegna e la presenza di alcuni team anche da altre Regioni.

«L’Amministrazione comunale – dice Fabio Desogus, assessore dello Sport del comune di Carbonia – prosegue nel sostenere l’attività delle associazioni che operano sul territorio e promuovere le manifestazioni sportive, di spettacolo e per il tempo libero, con particolare riguardo alle iniziative capaci di favorire l’integrazione e l’aggregazione.»

#50 LOST CITIZENS – Tentazioni della Penna (Comunicati Stampa) (Registrazione)

#50 LOST CITIZENS

  • Email
Dettagli
Categoria principale: Ritagli
Pubblicato Martedì, 18 Novembre 2014 14:30
Scritto da www.viewster.com
film

Fino al prossimo 27 novembre sarà possibile guardare e votare on line il film Lost Citizens, di Sebastiana e Carla Etzo. Il documentario partecipa infatti a #VOFF4 un festival internazionale on line promosso su www.viewster.com, sito che offre la visione di numerosi film e serie tv, gratuitamente o on demand, anche su smartphone.

Guardare il film, condividerlo su facebook, su twitter, sugli altri social network, o commentarlo, sono i modi per votarlo. Infatti vincerà il concorso chi ottiene maggiori accessi e interazioni con la pagina. «L’organizzazione ha stabilito che il premio in palio per il vincitore, 20.000 dollari, sarà devoluto a una organizzazione non governativa, la Urban Light, che lavora con i ragazzi vittime di sfruttamento», spiega Sebastiana Etzo e aggiunge: «Il nostro lavoro nasce da una campagna di finanziamento “dal basso”: hanno contribuito alla sua realizzazione, anche con piccole somme, le persone realmente interessate al nostro lavoro. Con questo concorso tutti hanno la possibilità di vedere il film e dire quello che pensano. Una modalità di fruizione molto democratica in linea con il nostro progetto».

Ecco le istruzioni per votare:

• Collegarsi al sito www.viewster.com e digitare Lost Citizens sul motore di ricerca oppure accedere al video direttamente dal link: http://www.viewster.com/movie/1286-18977-000/lost-citizens/;

• Guardare il video di Lost Citizens;

• Condividerlo su Facebook o su Twitter:

• Commentarlo;

• Invitare i propri contatti a votarlo

«In questi giorni le lotte per il lavoro in Sardegna sono tornate alla ribalta e Lost Citizens appare purtroppo ancora attuale, nonostante le riprese siano stare realizzate ormai quasi due anni fa», sottolinea Carla Etzo. Al centro del film c’è infatti la crisi del lavoro nel Sulcis Iglesiente raccontata da padri e figli impegnati ogni giorno nella faticosa tutela dell’occupazione o nella ricerca di un posto che permetta loro un’esistenza dignitosa e “normale”. Ma il patto generazionale sembra lacerarsi, mentre una politica industriale miope fatica a trovare soluzioni a breve termine. In questo contesto, le lotte operaie e le proteste dei lavoratori, seppur sempre più frammentarie, sono percepite dai protagonisti come fondamentali per la difesa del diritto al lavoro.

SCHEDA: AUTORI E COLLABORAZIONI

Lost Citizens nasce da un’idea di Sebastiana Etzo, sarda trapiantata a Londra, animata dalla volontà di capire e raccontare quello che accade nel Sulcis Iglesiente: con il suo passato minerario questo territorio rappresenta la culla della più antica working class isolana, oggi considerato una delle province più povere d’Italia ma anche emblema dei cambiamenti del mercato del lavoro, della precarizzazione, delle conseguenze della delocalizzazione che generano un’incertezza lavorativa e il progressivo indebolimento dello stato sociale. Il film ha ricevuto una menzione d’onore al SaMo Indie, festival indipendente californiano ed è in concorso al Foggia film festival.

Sebastiana Etzo: africanista e sociologa di formazione, vive a Londra e lavora principalmente come ricercatrice freelance e consulente per lo sviluppo internazionale. Ha ampiamente studiato problemi di disuguaglianza, diritti socio-economici e dei movimenti sociali in Africa sub-sahariana. Attualmente collabora con una organizzazione internazionale che fornisce servizi legati alla salute riproduttiva delle donne. Questo è il suo primo film documentario.

Carla Etzo: giornalista professionista, vive a Cagliari e ha collaborato con il principale quotidiano sardo “L’Unione Sarda” e con testate nazionali come “Repubblica Salute”. Si occupa di comunicazione e uffici stampa e ha lavorato per diversi enti pubblici. Al momento cura la comunicazione per un progetto europeo di implementazione dei servizi del lavoro della Provincia del Medio Campidano.

Vincenzo Rodi è un regista e cameraman freelance con una consolidata esperienza con le TV locali sarde e con i media nazionali. Ha scritto e prodotto diversi documentari e cortometraggi e recentemente ha vinto il primo premio al Festival Internazionale del Cortometraggio Botanico (Cernobbio, 2012) con il film “Ortuabis”.

Marco Messina è musicista, produttore e compositore. Tra i fondatori dei 99 Posse negli anni 90, ha creato con i Retina.it, l’etichetta Mousikelab, diventando un punto di riferimento per la scena elettronica italiana. Nel 2009 compone, con Massimiliano Sacchi, la colonna sonora de “La bocca del lupo”, documentario di Pietro Marcello, prodotto dalla Indigo Film e vincitore di molti premi tra cui il David di Donatello (miglior documentario) ed il Torino Film Festival (miglior film).

Marco Della Monica, ha curato il suono di Lost Citizens insieme a Marco Messina con cui ha collaborato a diversi progetti (insieme hanno lavorato al suono di “Una montagna di balle” (2009) per la regia di Nicola Angrisano dedicato alla questione dei rifiuti e dei veleni della Campania).

Sinossi: Lost Citizens racconta la crisi del lavoro nel Sulcis-Iglesiente, una delle province più povere d’Italia. Una politica industriale miope e opportunista ha compromesso il patto tra generazioni. Senza certezze sul loro futuro, padri e figli faticano a trovare una dimensione di lavoro e di vita equilibrata. Sullo sfondo le lotte proletarie, sempre più frammentarie, sembrano l’unico modo per far sentire la propria voce.


Votalo su: www.viewster.com


Regia: Sebastiana Etzo, Carla Etzo

Anno di produzione: 2014

Durata: 46′

Tipologia: documentario

Genere: sociale

Paese: Italia

Distributore: n.d.

Data di uscita: n.d.

Formato di ripresa: HDV, colore

Camera: Sony Z5

Sistema di montaggio: EDIUS

Formato di proiezione: DVD; Blu-ray

Titolo originale: Lost Citizens

Ambientazione: Sulcis-Iglesiente (Sardegna)

Periodo delle riprese: Ottobre 2011 – novembre 2012

Note:

Il film è stato sovvenzionato attraverso una campagna di crowdfunding sul sito Sponsume. I fondi raccolti sono serviti a coprire i costi di post-produzione.

Aggiungi commento